Paris Fashion Week – Fall-Winter 2011-12: CHANELParis Fashion Week – Fall-Winter 2011-12: CHANEL - ElectroMode ElectroMode

Paris Fashion Week – Fall-Winter 2011-12: CHANELParis Fashion Week – Fall-Winter 2011-12: CHANEL

marzo 10, 2011

CHANEL

Spettacolare e incredibilmente attuale, verrebbe quasi da dire fresca se i colori e l’atmosfera non fossero scuri, fumosi, da ambientazione postapocalittica.
L’autunno-inverno di Chanel Karl Lagerfeld lo vede così: cupo e immerso in uno scenario composto da foreste di ombre, distese di ceneri nere e fumanti in cui si staglia una lunga passerella, snodata tra due enormi scatole di luce. Da qui fuoriescono le modelle, che sulle note di A Forest dei Cure rifatta in versione orchestrale, danno corpo a un’eccezionale collezione dark in cui le icone della maison di Rue Cambon, sezionate e riassemblate, emergono a nuova vita: le giacche di tweed spesso accorciate quasi a bolero si sovrappongono ad altre più essenziali; i tailleur, svasati nei volumi e diventati mini, vengono indossati su legging/jeans skinny apparentemente screpolati e ricoperti di fuliggine, onnipresenti anche sotto cappottini e soprabiti;

i pantaloni con le pince, morbidi e maschili, sono infilati in risvolti di tessuto effetto scaldamuscoli oppure, foderati in raso nero, vengono arrotolati al di sopra della caviglia;

le classiche décolleté bon ton con tacco di 5 cm si alternano a scarponcini pesanti e ad ankle bootie sospesi tra anni Sessanta ed echi vittoriani.

Il tutto sotto l’effetto di suggestioni differenti: la dimensione catastrofica da neomedioevo (come nei mantelli rasoterra e nelle cappe da invasioni barbariche), lo streetstyle (vedi le stratificazioni e la voglia di sdrammatizzare e mixare) e soprattutto lo stile boy/girl, in cui elementi e tessuti femminili si sposano ad accessori e a pezzi molto maschili; il risultato, androgino ma stranamente muliebre, riesce a essere chic e delabré, delicato e forte, in definitiva assolutamente contemporaneo ma nel modo inedito e visionario tipico di Lagerfeld, che trova il suo culmine nelle tute, declinate per la sera in materiali preziosi ed eterei come chiffon, pizzo, gazar e paillette, e nell’allure più spiccatamente gotico-romantica degli abiti da fiaba, che insieme ai tubini dall’essenzialità geometrica non sanno cosa farsene di sfarzo e ostentazione.


Il particolare che ci piace:


Immagini: style.com



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FacebookTwitterTumblrPinterestGoogle+
css.php