Mirror Inspirations: Paul Poiret | Tim WalkerMirror Inspirations: Paul Poiret | Tim Walker - ElectroMode ElectroMode

Mirror Inspirations: Paul Poiret | Tim WalkerMirror Inspirations: Paul Poiret | Tim Walker

giugno 14, 2013

 

Paul Poiret (1879-1944) è stato il primo a fondere genialità e marketing pubblicizzando i propri modelli con libri disegnati da artisti, iniziando la pratica dei defilé, concedendo licenze per la produzione di accessori e introducendo il concetto di lifestyle. La sua maison operò dal 1903 al 1929 dando vita non solo ad abiti epocali ma anche a profumi – la linea Rosine – e arredi (l’Atelier Martine).

L’Atelier Martine si occupò di progettazione d’interni creando mobili e tessuti in base all’idea di arte totale che Poiret mutuò dalla Wiener Werkstätte.

Paul Poiret – Camera da letto (1924) – Pinterest

In questo scatto del 1924 una camera da letto firmata Paul Poiret. Il letto ricorda Le Mille e una Notte, il comodino a forma di greca è di sorprendente modernità ma ciò che rapisce l’attenzione e dà al tutto una dimensione fiabesca è l’albero fiorito dipinto sul muro. Lo stile rimanda alla linearità e alla grazia della pittura nipponica. È probabile pertanto che l’albero ritratto sia un sakura, il ciliegio caro ai giapponesi che ne celebrano la fioritura con la festa dell’Hanami.

Tim Walker – Shona Heath – Shona’s Tree (Casa Vogue – 2001) – Pinterest

Quasi 80 anni dopo, Tim Walker fotografa per Casa Vogue la parete di una dimora in rovina su cui si staglia quello che sembra un ciliegio mosso dal vento, ammaliante nella decadenza generale. L’ispirazione è chiara e forse anche il sottotesto poetico; il senso dell’Hanami sta nel contemplare la caducità dei fiori di sakura e con essa la caducità della vita.

 

L’albero è opera di Shona Heath, una delle scenografe preferite da Tim, e l’immagine si chiama semplicemente Shona’s Tree.



47 risposte a “Mirror Inspirations: Paul Poiret | Tim WalkerMirror Inspirations: Paul Poiret | Tim Walker

  1. theslow catwalk ha detto:

    Semplicemente bellissimo (post, foto, albero, tutto).

  2. Guy Overboard ha detto:

    I riferimenti storici riletti in una chiave leggermente modernizzata li trovo sempre interessanti. In questo caso la forma e le dimensioni sono leggermente diverse, e probabilmente molto più nipponiche dell’originale. Mi sarebbe piaciuto se anche nell’editoriale si fosse seguita l’idea dell’arte totale della Wiener Werkstatte, anche se in quello di Pouret originale

    • ElectroMode ha detto:

      In realtà l'editoriale non è dichiaratamente ispirato alla stanza di Poiret, è una somiglianza che vedo io, magari non è così. A ogni modo penso che non si tratti di un rifacimento esatto di quella stanza ma semplicemente di un'ispirazione innestata su altro. Per quanto riguarda l’ispirazione mutuata dalla Wiener Werkstatte – che nel caso di Poiret è storicamente certa – io penso

  3. Lisa C. ha detto:

    La somiglianza tra i due dipinti è visibile, ma a mio parere è più emozionante il primo sarà perchè forse è l'originale, forse per la foto in bianco e nero o solo per il fascino di un'epoca passata!

  4. Roberta Marasciulo ha detto:

    sono entrambi meravigliosi 🙂

  5. Eleeenoire ha detto:

    Anche se il secondo è decisamente inspired li trovo entrambi bellissimi. Punto troppo in alto se dico che ne vorrei uno sulla parete di camera?

  6. ma che bel post e l'idea del ciliegio mosso dal vento è splendida….

  7. Ilaria Caropreso ha detto:

    bellissimo questo post!!

  8. Fabrizia ha detto:

    Lo scatto è meraviglioso!

  9. Sogno con queste immagini davvero. magari avere una casa curata da questi due artisti.

  10. the chilicool ha detto:

    Carinissime queste immagini.

  11. Syrious Roberto ha detto:

    sono tutti e due veramente bellissimi! forse preferisco però quello del walker onestamente

  12. Mimma ♥ ha detto:

    Il secondo lo trovo molto nipponico, preferisco l’originale di Poiret!

  13. Mia ha detto:

    Arte allo stato puro *_*

  14. Giorgio Schimmenti ha detto:

    Il tuo post è interessantissimo, essendo un amante dell’interior design non posso che adorare quella parete!

    • ElectroMode ha detto:

      Grazie mille, Giorgio, sei molto gentile. Anch’io adoro l’interior design, anche se questo è un post un po’ anomalo e casuale, nel senso che all’interior design si arriva per vie traverse cioè tramite Poiret e a Walker. Per l’interior design nel frattempo mi consolo col board dedicato su Pinterest 😉

  15. Anna Pernice ha detto:

    Bellissime queste ispirazioni! Mi viene quasi voglia di realizzarle a casa mia!

    • ElectroMode ha detto:

      Fallo. Come dicevo anche sopra ho visto un blog di una ragazza straniera che prendendo spunto da uno dei due murale ha realizzato lo stesso albero, a modo suo ovviamente. Magari smanettando un po' trovo le istruzioni per l'uso 😉

  16. Priscilla Proietti ha detto:

    La somiglianza tra i due alberi è forte e il primo ha sicuramente più fascino, ma il significato nascosto dietro il secondo è veramente forte.

  17. Valentina Coco ha detto:

    somiglianza molto intensa ma ognuno trasmette cose diverse!!

  18. Nunzia Cillo ha detto:

    Il collegamento è chiaro ed evidente e lo avevo colto anche io nell'istante in cui mi sono innamorata di quella foto, di quella stanza, di quella decadenza e di quel velo di tristezza che traspare. Walker è tra i miei preferiti, lo sai, quindi ho adorato questo post. Ho fatto +1. Un bacio, notte!

  19. Dora Marotta ha detto:

    L'idea del ciliegio che richiama alla pittura nipponica mi piace davvero molto. Anche la seconda di Tim Walker è bella. Lui è un genio, lo adoro!

  20. Irene° ha detto:

    molto suggestiva la foto di walker!

  21. My Vintage Curves ha detto:

    Ho letto con grandissimo piacere questo post (e non solo questo), questo è un blog dagli spunti interessanti, uno di quelli che corri a leggere solo per il gusto di farlo!

  22. Donatella Acampora ha detto:

    Che post bellissimo, dettagliato e stimolante! A me l’immagine sulla parete dell’albero di ciliegio mi ha sempre affascinato, sarà che amo moltissimo la tradizione giapponese! Fatto sta che sogno un giorno di avere una bellissima rappresentazione in camera, anche se non potrà mai eguagliare queste! *__*

  23. Rock n Mode ha detto:

    Meraviglia, bellissimo post!

  24. The Gummy Sweet ha detto:

    Molto bello questo post. Un po’ diverso da tutto quello che si legge normalmente. Finalmente qualcuno che parla di arte. Un post di ispirazione!

  25. non so perchè ma a mio parere avere una forma d’arte del genere in casa mi obbligherebbe a diventare un vegetale pensante che non farebbe altro che guardare il muro! adoro i fiori di sakura, sono proprio un mio debole!

  26. Anche io come Eleonora ne vorrei uno in camera 😛 Splendidi entrambi!

  27. giuliagalettibeer ha detto:

    Fantastico…dopo 80 anni l'incanto viene rivisitato magnificamente! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FacebookTwitterTumblrPinterestGoogle+
css.php