Facciamoci del Male: Top Look - Autunno-Inverno 2013-14Facciamoci del Male: Top Look - Autunno-Inverno 2013-14 - ElectroMode ElectroMode

Facciamoci del Male: Top Look – Autunno-Inverno 2013-14Facciamoci del Male: Top Look – Autunno-Inverno 2013-14

agosto 12, 2013

Ma quali sono i look più sensazionali dell’autunno-inverno 2013-2014?

Della serie Facciamoci del Male, ecco il mio personale promemoria che poi è anche un’anticipazione dei trend che mi hanno già intrappolato e che – prossimamente su questi schermi, almeno si spera – tratterò singolarmente.

L’ordine è assolutamente sparso.   

    
Quadri.

Quadri, tartan, scozzese, chiamatelo come volete ma ci siamo capiti. L’interpretazione top è di Céline e improvvisamente il tartan non sa più né di Scozia, né di punk, né di scuole elementari ma di metropoli e borse della spesa: un mix di dimensioni e di colori, la stampa presa in prestito dalle borse francesi per la spesa, quelle super plasticose, e il top look è servito

 

 

    

Minimal Fou.

Minimale con quel tocco folle che fa la differenza: due maniche spuntate dal nulla si annodano sul davanti dell’abito grigio. Sempre Céline, anche se l’idea (praticamente identica) è farina del sacco di Geoffrey Beene e risale a quasi dieci anni fa

Entomologica.

Insetti in quantità bibliche. In genere mi provocano ribrezzo, ma se si tratta di quelli super chic di Lanvin sono più che disposta a fare un’eccezione

        Cartoon. 

Stampe cartoon o semplicemente bizzarre magari coinvolte in mix & match. Sono sicura che il Bambi di Givenchy sarà una delle presenze dilaganti alle prossime sfilate

 

 

 

        Craquelé.

Il craquelé effetto colata di vernice dà un aspetto nuovo e inquietante quanto basta a un evergreen come il bianco e nero. Balenciaga

         Maschile.

Maschile + gonna sovrapposta ai pantaloni + ricami Liberty = il perfetto look da sera, da giorno, da sempre, naturalmente di Dries Van Noten

         Occhi.

La sintesi di due trend che mi piacciono moltissimo: la felpa di adolescenziale memoria e l’occhio. Quest’ultima a dire il vero non è una tendenza dilagante ma ormai mi ha letteralmente ipnotizzato. Se potessi, inserirei un occhio in ogni cosa che indosso. Ah, è di Kenzo

         Arte.

Vabbè e che ve lo dico a fare. Tra le collezioni che mi hanno lasciata senza parole ovviamente c’è Mary Katrantzou. Se poi si aggiunge il connubio che preferisco – quello tra arte e moda – il gioco è fatto. Indubbiamente non facile la splendida silhouette scultura, ma esistono anche versioni light di queste fantasie meravigliose ispirate a Steichen e Stieglitz

         Arte 2.

Arte 2, la vendetta. Una vera opera d’arte la stampa boschiva della gonna Marni; abbinata a una giacca rétro e uderstatement, perfetta anche col pelo

         Cappa.

La cappa nella sua interpretazione più pura, angelica, raffinata. Non evoca cavalieri né collegi, ma schiere angeliche. Tanta leggiadra beltade non poteva che recare il nome di Valentino

         Anni Cinquanta +.

In un colpo solo Prada mette a segno tre trend (sembra uno scioglilingua): quadri (genere tovaglia), anni Cinquanta e gonna di pelle. E il risultato è incredibile come sempre

         Surf Chic.

Controculture – un po’ surf, un po’ punk, un po’ grunge – in versione super chic. L’accostamento tra il bermuda da surfista e lo chiffon nude drappeggiato è spettacolare. Rodarte

         Laminato anomalo.

Il laminato non è esattamente il mio genere ma lo diventa improvvisamente se Antonio Marras lo abbina a un maxi pull decorato a piccolo punto. Talmente fuori luogo e imprevisto da essere assolutamente geniale

 

 

 

Felpa.

Ancora felpa ma in caldo e avvolgente mohair e con in più il dettaglio eccentrico che ci piace: tante lenti a specchio saccheggiate dagli occhiali da sole di quest’estate. Quando si dice ottimizzare. Alexander Wang

 

 

 

Spalle bombate.

Infine, la tendenza delle spalle larghe e bombate non mi fa impazzire, ma sono pronta a ricredermi. Ho già iniziato con questo look perfetto di Proenza Schouler. Sarà il bianco e nero, sarà il riferimento a Cristobal Balenciaga ma la donna-pinguino del duo americano è impeccabile



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

FacebookTwitterTumblrPinterestGoogle+
css.php