Valentino all'opera - Paris Haute Couture - S-S 2014Valentino gets started - Paris Haute Couture - S-S 2014 - ElectroMode ElectroMode

Valentino all’opera – Paris Haute Couture – S-S 2014Valentino gets started – Paris Haute Couture – S-S 2014

gennaio 24, 2014

Valentino moodboard 1 – Instagram


Alla
fine arrivano loro e non ce n’è per nessuno. Solo quindici minuti bastano a Maria Grazia Chiuri e a Pier Paolo Piccioli per somministrarci l’attesa dose di sospensione dalla realtà. E la fascinazione giunge puntuale, sempre. Anche quando pensi che forse la volta precedente era stata più potente o avevi sentito un brivido maggiore, si tratta di dettagli. Qui i brividi e l’incredulità sono la regola da cui non si deraglia mai.

Le sale dell’Hôtel Salomon de Rothschild sono decorate da animali paradisiaci dipinti su pannelli e tappeti frutto della maestria di Maurizio Varano del Teatro dell’Opera di Roma. Perché come per il prêt-à-porter tutto parte dalla visita al teatro della capitale.

L’idea della primavera-estate haute couture è quella di far rivivere le protagoniste delle opere liriche, il balletto, la musica, l’arte. S’inizia così con la partitura del brindisi de La Traviata di Verdi applicata su un abito bianco delizioso.

Da qui in poi è un susseguirsi senza tregua di Puccini, Rossini, Bizet, Norma, Madame Butterfly, Bohème, Carmen, Lakmé, Ifigenia in Aulide, Orfeo; di intarsi spettacolari con Adamo ed Eva alla maniera di Cranach e degli arazzi fiamminghi, di tutù non finiti con cigni e serpenti,

Valentino moodboard 2 – L’Officiel

di un bestiario naïf in omaggio a Il Carnevale degli Animali di Saint-Saëns, di ieratiche tuniche da sacerdotessa,

di sensazionali farfalle di piume per cappe e abiti, di pizzi settecenteschi, di seta cruda sfrangiata a mano,

di uccelli, felini e scimmie ricamate e intessute, di cristalli e motivi arabeggianti.

Sobrietà monacale o tripudi ornamentali per narrare a ogni uscita una storia diversa. È vero che ben poche donne, al di là delle cifre e della penuria di occasioni, corrispondono a questo ideale efebico dai tratti di madonna medieval-rinascimentale ma la moda e l’haute couture sono anche sogno; un sogno di stupefacente bellezza ed eleganza pura.

Nota a margine molto poco seria: Come si conviene, il pubblico di socialite, star, ereditiere e super redattori era agghindato ai massimi livelli. Innumerevoli le mise Valentino che hanno fatto sorgere in me un dubbio esistenziale di grande portata per l’umanità: considerato che i look a cui attingere non sono tanti, come fanno gli assidui frequentatori del front row a non presentarsi con lo stesso costosissimo ma identico capo?

Infine un evergreen dei quesiti senza risposta: come fanno le suddette star, socialite, etc. a sfidare i rigori dell’inverno gingillandosi in microabiti perfetti per il mese d’agosto? La vista di Clotilde Courau (ma anche di Lena Perminova) sotto la pioggia in shorts di voile, gambe nude e senza cappotto mi ha lasciato attonita e ammirata.

Valentino moodboard 1 – Instagram

15 minutes were enough for Maria Grazia Chiuri and Pier Paolo Piccioli to give us the awaited dose of suspension of reality. And the enchantment arrives on time, also when you think that the previous time was more powerful. These are details because here the thrills and the astonishment are the standard procedure.

The rooms of the Hôtel Salomon de Rothschild were decorated with paradisiacal animals painted on panels and carpets by Maurizio Varano from Teatro dell’Opera di Roma. Even in this case everything started with the visit to the theatre of the Italian capital.

The idea at the base of the haute couture spring-summer is to make revive the protagonists of the operas, the ballet, the music, the art. The fashion show started with an adorable white dress embroidered with the score of La Traviata by Verdi.

Then Puccini, Rossini, Bizet, Norma, Madame Butterfly, Bohème, Carmen, Lakmé, Iphigenia in Aulis, Orpheus; Adam and Eve in the style of Cranach, tutus with swans and snakes,

Valentino moodboard 2 – L’Officiel

naïf animals in homage to The Carnival of the Animals by Saint-Saëns, hieratic tunics,

stunning feather butterflies, eighteenth-century laces, raw silk with handmade fringes,

embroidered and woven birds, felines and monkeys, crystals and Moorish damasks. A magnificent dream dripping of beauty and pure elegance.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

FacebookTwitterTumblrPinterestGoogle+
css.php