Paris haute couture - SS 2017 - I pezzi cult - ElectroMode ElectroMode

Paris haute couture – SS 2017 – I pezzi cult

gennaio 27, 2017
Paris haute couture - Chanel - SS 2017 - ph. Alessandro Garofalo

Chanel haute couture – SS 2017 – Vogue – ph. Alessandro Garofalo

PARIS HAUTE COUTURE – SS 2017

Il fatto che non indosseremo mai un capo haute couture (non che col prét-à-porter cambi molto) è talmente scontato che quasi quasi non si prova nemmeno un po’ di sana invidia.

Fa comunque bene sapere che c’è un universo altro in cui il marketing non è riuscito ancora a contaminare tutto (più o meno), si continua a creare in libertà e dove sarti, ricamatori e artigiani maniaci del perfezionismo hanno diritto di esistere. Anche se per questo bisogna ringraziare “sultane”, “petroliere”, “oligarche” e così via (meglio non pensarci). Senza contare le varie star da Oscar a cui però in genere dopo il red carpet tocca rispedire tutto al mittente.

Ora, se io fossi Emma Stone, Meryl Streep, Ruth Negga o Isabelle Huppert non starei troppo a pensarci e mi orienterei direttamente su una cosa qualsiasi di Valentino, che siano pepli, sottovesti romantiche o tuniche gioiello (Pier Paolo Piccioli orfano della Chiuri a messo a segno la più bella e raffinata sfilata della manifestazione).

Natalie Portman no, perché in quota Dior. Ma scommetto che qualcosa troverà tra i vestiti da donna-fiore in versione “relax” partoriti da Maria Grazia Chiuri. Nel caso di Chanel l’alternativa è tra gli abiti di cristalli, quelli strapieni di ruche o ancora quelli piumati del finale. Peccato per i restanti due terzi della collezione. Infine Giambattista Valli che propone i suoi must, abiti asimmetrici o giant da gran sera, fiori, ricami preziosi. Bello, ma un po’ déja vu.

 

Paris haute couture - Valentino - SS 2017 - plissèParis haute couture - Valentino - SS 2017 Paris haute couture - Valentino - SS 2017Paris haute couture - Valentino - SS 2017Valentino. Ispirazione: antica Grecia. Pezzo cult: il peplo plissé da sacerdotessa greca. Mi piacciono: le cappe e gli abiti-cappa per la loro raffinatezza e perché ricordano i capi haute couture del Valentino anni ’60, le sottovesti romantiche con ruche e fiori di organza, i colori pastello polverosi, la collezione tutta. Non mi è piaciuto: o mi è piaciuto meno, l’unico abito sgargiante, quello fucsia

 

 

Paris haute couture - Christian Dior - SS 2017 - plisséParis haute couture - Christian Dio - SS 2017Paris haute couture - Christian Dior - SS 2017Paris haute couture - Christian Dior - SS 2017Christian Dior. Ispirazione: archivi Dior. Pezzo cult: l’abito plissé soleil con pannelli asimmetrici. Mi piacciono: la giacca Bar rivisitata in versione plissé, alcuni abiti da sera con bustier e gonne ampie, i copricapo con piume e fiori di Stephen Jones

 

 

Paris haute couture - Chanel - SS 2017Paris haute couture - Chanel - SS 2017Paris haute couture - Chanel - SS 2017Paris haute couture - Chanel - SS 2017Chanel. Ispirazione: Syrie Maugham e Alberto Giacometti. Pezzo cult: il completo di seta con blusa e gonna arricciata in vita da vera diva anni ’30. Mi piacciono: a dire il vero mi è piaciuto un terzo della collezione, principalmente gli abiti del finale con cristalli e piume effetto Ginger Rogers, i trionfi di ruche e la particolare piegatura del tessuto visibile nel primo look in piccolo. Non mi sono piaciuti: i tailleur a scatola troppo da signora e gli abiti ad anfora. Le modelle sembravano infagottate, persino grosse, il che è tutto dire

 

 

Paris haute couture - Giambattista Valli - SS 2017Paris haute couture - Giambattista Valli - SS 2017Paris haute couture - Giambattista Valli - SS 2017Paris haute couture - Giambattista Valli - SS 2017Giambattista Valli. Pezzo cult: Il miniabito bordeaux con strascico. Mi piacciono: le stampe e i decori effetto tavola botanica, i ricami preziosi. Non mi sono piaciuti: l’effetto piegatura da ferro da stiro dei primi capi e un certo senso di déjà vu

 

PEZZO STRA-CULT

Paris haute couture - Maison Margiela - SS 2017Il cappotto col tulle a contrasto che disegna un volto è il capo più folle, artistico e onirico visto a Parigi. Probabilmente anche uno dei più difficili da indossare, ma questo non ha mai spaventato John Galliano

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FacebookTwitterTumblrPinterestGoogle+
css.php