About - ElectroMode ElectroMode

ElectroMode.org nasce nel 2010 con l’intento di condividere le passioni discordi di due persone diverse. Ed ecco servito questo blog un po’ strambo a base di moda e musica elettronica + un bel po’ di altre cose.

Electro + Mode = ElectroMode e il nome del blog è servito. In teoria metà musica elettronica e metà moda, in realtà non solo. Perché da subito prevale la tendenza a spaziare in ambiti differenti – arte, cinema, fotografia -, con un’attenzione sempre più marcata per l’interior design e il design industriale.

Concerti e sfilate quindi, tendenze e dischi, ma anche case, oggetti d’arredo, mostre, libri, immagini, film, indirizzi, persone, progetti nuovi e brand emergenti, legati da originalità, forza e una certa, immancabile attitudine onirica.

 Senza-titolo-4
Senza-titolo-2
5 anni a Milano e le collaborazioni con le redazioni moda di Marie Claire e Flair mi hanno dato l’imprinting: un occhio per il nuovo e l’inaspettato, un debole per mondi fantastici e bizzarri unito alla scrittura e da poco anche alla fotografia. Tutto questo lo applico alla moda ma anche alle altre passioni, design (d’interni e industriale) in primis, per il quale mi si riconosce una certa attitudine.
Impazzisco per cinema e serie televisive, per arte, illustrazione e collage. Sono attratta da tutto quanto è rétro, dai locali ibridi e dalle storie di presunti perdenti che non lo sono affatto. La musica della mia vita è il rock e amo perdutamente Milano. Vivo sommersa da annate di riviste che ormai partono dal Pleistocene.

 

Senza-titolo-3
Giornalista professionista di stampo eclettico ma particolarmente votato all’investigazione e alle tematiche ambientali e sociali, nutro una viscerale passione per la musica elettronica. Non potrebbe essere diversamente dopo anni di clubbing tra Roma, Berlino, Brighton e Napoli (città in cui ho vissuto). Lettore compulsivo di quotidiani, libri e qualsiasi cosa sia composta da lettere dell’alfabeto, vado a cinema quando ne vale la pena e da un po’ ho capitolato davanti alla “schiavitù” delle serie televisive. Gioco con approccio molto professionale in una squadra di calcio di Seconda Categoria.



FacebookTwitterTumblrPinterestGoogle+
css.php